Indietro

Liquami non depurati nel fosso all'Abate e in mare

L'Arpat ha rilevato valori altissimi di Escherichia Coli. Le piogge hanno messo in crisi il depuratore di Camaiore e il liquami sono finiti in acqua

CAMAIORE — A seguito di una segnalazione della polizia municipale e di un consigliere comunale, martedì 27 marzo i tecnici del settore Versilia dell'Arpat hanno effettuato una serie di controlli presso il depuratore di Camaiore, prelevando un campione allo scarico del by pass. Le analisi effettuate sul campione hanno presto evidenziato valori elevatissimi di Escherichia coli, del tutto simili a quelli di un refluo in ingresso all'impianto di depurazione.

"La società che gestisce l'impianto, Gaia - si legge in una nota dell'Arpat - ha poi comunicato di incontrare da tempo difficoltà ad allontanare dall'impianto i fanghi di depurazione e chem in quella giornata, per evitare un pesante trascinamento di fanghi in uscita, è stato attivato il by-pass, con il conseguente scarico di liquame non depurato nel corpo idrico recettore e cioé il Fosso dell'Abate e quindi il mare. A seguito di tali accertamenti l'Arpat sta assumendo i provvedimenti di legge nei confronti del gestore".

Sempre Gaia ha dichiarato all'Arpat che anche il futuro il funzionamento del depuratore potrebbe "potrebbe risultare carente, almeno sporadicamente, e soprattutto in occasione di massicce portate in arrivo dovute a fasi di pioggia prolungate". 

"Ciò potrebbe determinare saltuari superamenti dei parametri tabellari allo scaricoche non saremmo peraltro in grado di controllare - si legge ancora nella nota dell'Agenzia- Arpat quindi vigilerà affinchè il gestore metta in atto tutte le misure possibili per far fronte alle problematiche sopra indicate, anche in vista della prossima stagione balneare".


Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it